A Tricarico, Grassano e Calciano l’Infermiere di Comunità in Parrocchia

A Tricarico, Grassano e Calciano l’Infermiere di Comunità in Parrocchia
  •   
  • E’ stato firmato questa mattina l’accordo tra il Direttore Generale dell’ASM, dr. Joseph Polimeni, e il Vescovo della Diocesi di Tricarico, S. E. Mons. Giovanni Intini, per istituire l’Infermiere di comunità in Parrocchia.
  • La Conferenza Episcopale Italiana (CEI) ha avviato il progetto “Infermiere di comunità in parrocchia” come proposta di collaborazione tra Diocesi e Servizi territoriali del Servizio Sanitario Nazionale per valorizzare il ruolo delle parrocchie all’interno del processo di costruzione della rete assistenziale di protezione socio-sanitaria di prossimità e della realizzazione del modello di infermiere di comunità così come delineato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’avvio del nuovo servizio è previsto per il mese di gennaio 2020 in modo sperimentale per un anno, rinnovabile, ed interesserà le Parrocchie S. Antonio, S. Potito e S. Maria Assunta di Tricarico, quella della Madonna del Carmine di Grassano e di San Giovanni Battista di Calciano. Per la Diocesi di Tricarico: “L’Infermieristica di Comunità in Parrocchia, attraverso la rete sociale delle stesse, vuole offrire un servizio al territorio e dare la possibilità di ascoltare, informare ed orientare le persone all’interno della rete dei servizi socio-sanitari territoriali. Non vuole essere un servizio di ordine prettamente organizzativo, ma un vero e proprio ministero di prossimità verso chi vive forme di esclusione sociale, che spesso si ripercuotono nell’ambito dell’accesso alle cure e nella cronicizzazione delle malattie. La sede non sarà un ambulatorio cittadino ma un luogo appositamente adibito per il coordinamento di questo servizio, tale da permettere al singolo cittadino di segnalare i bisogni sconosciuti. Inoltre la Diocesi di Tricarico ha previsto, all’interno del progetto, l’accompagnamento ed il monitoraggio delle situazioni accolte. Non una semplice somministrazione di un servizio, dunque, ma una vera e propria presa in carico della persona attraverso la rete delle Caritas parrocchiali.” L’Azienda Sanitaria di Matera ha messo a disposizione, avvalendosi della costruttiva collaborazione del Responsabile delle Professioni Sanitarie e Sociali dell’ASM, dr. Vito Petrara, un team di Infermieri ed un Coordinatore del Progetto individuato nella persona della dott.ssa Chiara Gentile. Per il Direttore Generale dell’ASM: “ Si tratta di un inizio importante per la medicina di prossimità. Verrà valorizzato il ruolo delle parrocchie all’interno del processo di costruzione della rete assistenziale e di protezione dei soggetti più deboli, al fine di metterla in connessione con il Servizio Sanitario Regionale nel raggiungere le persone portatrici di bisogno di cura e assistenza e rendere più efficace l’attività di tutela e di promozione della salute.”
Pubblicato il martedì 29 ottobre 2019
La data è riferita alla creazione della seguente pagina.
Aggiornato il martedì 29 ottobre 2019
La data riferita all'aggiornamento della presente pagina non esaurisce
l'aggiornamento dei singoli record a cui accede,
che hanno dinamiche autonome.
Risultato
  • 3
(162 valutazioni)