Asm, l’ospedale di Policoro centro accreditato per la chirurgia mini-invasiva

  •   
  • L’unità operativa complessa di Chirurgia dell’ospedale Giovanni Paolo II di Policoro, diretta dal dottor Vincenzo Sassone, anche quest’anno è stata inserita dalla Scuola Speciale ACOI di Chirurgia laparoscopica e mini-invasiva, con sede a Modena, tra i centri accreditati per il “Corso Base” dell’anno 2019.
  • La struttura jonica ospiterà alcuni allievi della suddetta scuola, dopo che essi avranno svolto le previste ore di formazione teorica a Modena. La seconda parte del corso prevede che i singoli partecipanti vengano distribuiti nelle sale operatorie dei centri periferici di tirocinio per un periodo minimo di 120 ore. Tale frequenza andrà esaurita, previo accordo tra partecipanti e centri di tirocinio, in un arco di tempo compreso tra il marzo e il novembre 2019. I nominativi degli allievi assegnati verranno comunicati al termine della prima parte del corso. Policoro è dunque anche per il 2019 Centro di riferimento scelto non tanto per il volume delle prestazioni eseguite, quanto per la standardizzazione delle procedure di base. La motivazione di questa scelta è stata data dal Primario del Reparto di Chirurgia il dr. Vincenzo Sassone, 65 anni di Senise, con il quale abbiamo fatto una chiacchierata per spiegare come si articola il tutto: “L’evoluzione dalla chirurgia laparoscopica da quella “Open” ossia chirurgia aperta è stata graduale – spiega il dottor Sassone - in molte strutture, nell’80% dei casi, si inizia un intervento chirurgico in laparoscopia ma, se si verificano complicazioni, si è costretti a terminarlo in Open. Il progresso sta nella riduzione in un anno, in percentuale, del numero di operazioni in cui si utilizza la chirurgia Open. In particolare, per quanto riguarda le patologie pelviche, siamo riusciti ad azzerare il numero d’interventi eseguiti in open anche per non provocare danni estetici, inoltre la laparoscopica ha aumentato la precisione della diagnostica evitando drasticamente gli interventi inutili.” E’ prevista la partecipazione attiva degli allievi all’attività di sala operatoria e come operatori in almeno cinque procedure laparoscopiche di base. Al termine del corso gli allievi chirurghi dovranno essere in grado di trattare in laparoscopia le varie patologie. La Scuola speciale ACOI di chirurgia laparoscopica mini-invasiva, di cui è direttore la dottoressa Micaela Piccoli, terminerà, l’anno accademico il 22 e il 23 novembre 2019 a Modena e in tale occasione, nel corso di una cerimonia ufficiale, verranno consegnati i diplomi a tutti gli allievi ritenuti idonei dei tre Corsi (base ed avanzati). Per il direttore generale dr. Joseph Polimeni: “Si tratta di un importante riconoscimento per una struttura ospedaliera geograficamente periferica nel contesto nazionale, ma in grado di assicurare significativi livelli qualitativi.”
Pubblicato il lunedì 4 marzo 2019
Aggiornato il lunedì 4 marzo 2019
Risultato
  • 3
(50 valutazioni)